Chiama il 112, rispondono in ritardo e deve intervenire da solo

  • 20 / 05 / 2023 219 Views

ROMA - Quando il pericolo incombe e nessuno arriva, la speranza è il carabiniere di passaggio che vede, osserva e si ferma andando incontro al pericolo per la tutela del cittadino.

Questa è la differenza nell'essere un appartenente alle Forze dell’ordine che svolge il suo mestiere: non puoi scegliere o pensare ma solo agire, non puoi esimerti perché la legge lo prevede e lo spirito del dovere lo impone.

Questo accade ogni giorno nelle strade italiane. Oggi è accaduto a Roma, nella famosa via Appia Nuova. Antonio, un graduato dell’Arma in servizio di sicurezza presso la Banca d’Italia, mentre alle ore 06:30 del mattino si accingeva a raggiungere il posto di lavoro, notava una discussione animata all’interno di un pubblico esercizio. Subito, senza esitare, arrestava l’auto ed interveniva al fine di sedare l’apparente lite, rendendosi però conto,  nell’immediatezza, che era in corso un tentativo di rapina ai danni dell’esercente. Tentava così di bloccare il malfattore che, con delle forbici, gli procurava delle ferite, dandosi poi alla fuga. Senza arrendersi Antonio si poneva comunque all’inseguimento bloccando l’energumeno, riportando fortunatamente delle ferite lievi a seguito di una seconda colluttazione. Un plauso al collega che ha deciso di intervenire in aiuto del negoziante nell'immediato, da solo, vista la tardiva risposta  da parte del numero unico di emergenza alla sua chiamata.

Auguri al collega,  nostro Segretario Regionale per il Lazio. Auguri Antonio di buona guarigione.

 

SIM CARABINIERI

Segreteria Nazionale

Continua a leggere


Condividi: