Serpi - Ennesimo rinvio a giudizio per un carabiniere che si è difeso. Sono preoccupato per i nostri ragazzi

  • 23 / 05 / 2023 188 Views

ROMA - “In un Paese al contrario un Carabiniere indagato non fa più notizia, anche se al carabiniere gli puntano un’arma per rapinarlo. Se il rinvio a giudizio per la morte di Ugo Russo non mi stupisce, mi preoccupa, però, la paura che quotidianamente accompagna le nostre donne e uomini in divisa che prima di difenderci da malintenzionati devono pensare al risvolto giudiziario che li attende, qualsiasi sia l’azione adottata durante un intervento operativo” – Lo afferma Antonio Serpi, Segretario Generale del SIM Carabinieri dopo aver appreso la notizia del rinvio a giudizio del carabiniere che ha sparato per difendersi da una rapina. Durante l’episodio perse la vita il giovane Ugo Russo – “Dedico un pensiero ai familiari di Ugo Russo e un altro pensiero ai familiari del Carabiniere che stanno vivendo un calvario solo perché il figlio ha agito per difendersi. In questa storia ci sono due vittime ma dobbiamo trovare, in questo Paese al contrario, il coraggio di ricordare, a chi delinque, che queste sono scelte pericolose e al contempo dobbiamo ricordare, a chi indossa una divisa, che bisogna continuare a fare il proprio lavoro, quello per cui si è giurato, anche in un Paese al contrario. Le Forze dell’ordine non sono sullo stesso piano di chi delinque” – conclude Serpi.

 

SIM CARABINIERI 

Continua a leggere


Condividi: