SIM Piemonte e Valle d'Aosta: successo del Dipartimento stipendiale e pensionistico a Torino

  • 13 / 06 / 2023 157 Views

TORINO – Dopo molta attesa, finalmente, lunedì 12 giugno presso la caserma Benito Atzei di via Guido Reni 64, si è svolta la prima Assemblea Sindacale tra militari organizzata dal S.I.M. (Sindacato Italiano Militare) Carabinieri, primo sindacato militare ad essere istituito nella storia italiana e primo per numero di iscritti. I relatori d’eccezione per competenza ed importanza sono stati il Segretario Generale Nazionale Antonio Serpi, il Segretario Nazionale Carlo Calabrese, il Commissario Straordinario Abruzzo Gianluca Spaziani ed il Segretario Generale Piemonte e Valle D’Aosta Agostino Margaritora, introdotti dal Segretario Regionale con funzione di moderatore Aldo Radaelli.

I temi trattati sono stati interessantissimi, con una breve introduzione della legge 46/2022, che permette tra le altre cose di riunirsi all’interno delle caserme anche in divisa, il trattamento stipendiale con l’andamento degli ultimi sei anni ed il trattamento pensionistico. Temi molto caldi e che hanno creato molto interesse e consapevolezza circa i diritti dei Carabinieri.

Nello specifico il Capo del Dipartimento Trattamento Stipendiale e Pensionistico Carlo Calabrese ed il Vice Capo Dipartimento Gianluca Spaziani, hanno evidenziato casi concreti e tabelle aggiornate ed ufficiali, rendendo allo stesso tempo interessanti e fruibili gli argomenti alla numerosa platea .

Un veloce cenno anche all’articolazione del SIM Carabinieri ed in particolar modo alla Tutela Legale gratuita per tutti gli iscritti che, per i ricorsi al TAR e gerarchici, non ha alcuna franchigia.

Dalla segreteria del SIM Piemonte c’è molta soddisfazione per la riuscita dell’evento che ha visto l’esaurimento dei posti disponibili in sala ed ha fornito un’occasione per presentare ai colleghi tutte le prerogative di un buon sindacato ed i servizi a tutela degli iscritti.

 

SIM CARABINIERI
Segreteria Nazionale
Dipartimento TSP
Segreteria Regionale Piemonte e Valle d'Aosta

Continua a leggere


Condividi: